LE 10 COSE PIÙ DIFFICILI DEL NOSTRO VIAGGIO IN INDIA

Si pensa che organizzare un viaggio sia un passatempo, ma in realtà, se il tutto vien fatto in modo puntiglioso e ricercato, diventa un vero e proprio lavoro di studio, ricerca e pazienza.
Molte volte, strada facendo, questa ricerca viene stravolta da vari imprevisti e quindi subentra il “problem solving ” per trovare una rapida alternativa.

DCIM/100MEDIA/DJI_2937.JPG

Oggi vi elenco le 10 difficoltà che abbiamo riscontrato nel nostro in India.

1) ESTREMO CAOS
Non appena giunti all’aeroporto di Delhi, si avverte un primo assaggio di rumori dalle strade vicine.
Il caos più intenso lo abbiamo vissuto in Old Delhi e in alcune città del Rajasthan ( Jaipur, Jodhpur, Jaisalmer, Bikaner) ma il “peggiore” nel pomeriggio in cui siamo entrati nel centro di Varanasi; 600 metri di trasferimento in tuk tuk percorsi in un’ora!
(A pensarci bene, era meglio andare a piedi con tutti i bagagli).
Ricorderete l’India per i suoi infiniti clacson, tutti diversi e fortissimi, a tutte le ore del giorno e della notte, suonati senza un reale motivo!
Consiglio: Lanciatevi nel traffico, loro si fermeranno, forse!

2) DISORGANIZZAZIONE ORDINATA
Solo un vero indiano, saprà restare calmo e sereno difronte al costante disordine che caratterizza ogni angolo delle città!
La vera magia di questi posti sta proprio nella sua essenza: un disordine ordinato!
Dove noi ci perdiamo, un indiano trova ogni cosa.
Consiglio: Quando vi sorrideranno difronte ad un disguido, sorridete anche voi!
Se riuscite

3) SEQUESTRO AEROPORTUALE
Nel nostro lungo scalo di 5 ore all’aeroporto di Mumbai avremmo voluto uscire per goderci la vicina spiaggia di Juhu Beach, ma le guardie ci hanno impedito di uscire per ragioni di sicurezza.
Chiediamo spiegazioni e ci viene detto: “a Mumbai c’è tanto traffico! Perdete il volo”, insistiamo chiedendo di poter uscire a fumare davanti all’aeroporto, ma anche con questa tecnica, nulla da fare!
Immaginate la scenetta mentre Annamaria accusa un “malore” causato dalla forte aria condizionata… anche questo tentativo è inutile!
Gettiamo la spugna.
Stampiamo il biglietto del volo successivo e saliamo al gate l’imbarco.

4) COMUNICAZIONE
Pochissime persone che incontrerete per strada sapranno darvi indicazioni in inglese.
Abituatevi a fare scenette per farvi capire.

5) PULIZIA PLATONICA
Chi parte per un viaggio in India deve ricordarsi che i canoni di pulizia ed igiene sono lontani anni luce rispetto a quelli che caratterizzano la nostra vita occidentale.
Quando parlo di pulizia mi riferisco a tutti i settori, dai mezzi privati e pubblici, alle lenzuola, agli hotel e ristoranti fino ad arrivare alla vera vita di strada.
Consiglio: Non guardate come lavano le stoviglie che dopo qualche minuto userete al ristorante o nello street food, potreste preferire le vostre mani, ad un piatto di metallo!

6) CIBO
Abituatevi a mangiare spezie e coriandolo in ogni vostro piatto, dalla colazione alla cena!
Divertitevi ad ordinare piatti tipici senza farvi troppe domande. Ricordatevi solo di urlare in tutte le lingue: NO SPICY
Consiglio: gustatevi il fantastico butter-roti a tutte le ore e il cremosissimo Lassi

7) DISTANZE INFINITE
Grazie Google Maps per le tempistiche ma, ahimè, dobbiamo rivederle!
Considerate almeno un buon 40% in più rispetto alle previsioni del navigatore.
La causa? Il traffico delle città unito alle strade periferiche in condizioni disastrose fanno aumentare gli spostamenti di molto tempo.
Consiglio: Considerate un’ora aggiuntiva per ogni spostamento. Finché non incontrate le mucche per strada!

8) INDIGO AIRLINE LOW-COST SENZA FREGATURA
Se prenotate qualche volo interno con questa compagnia, ricordatevi di portare la carta di credito usata per acquistare il volo online al banco check-in il giorno della partenza perché effettueranno un controllo incrociato.
Se non l’avrete, dovrete pagare il volo di nuovo. Follia vero?
Consiglio: Inseriamo Ryanair nelle low cost del sud est asiatico.

9) PRENOTAZIONI BOOKING RIVISITATE
Prima della partenza accertatevi che tutte le prenotazioni siano confermate, anche se sull’app booking risultano corrette perché le reception saranno in grado di bloccarvi le stanze sbagliate.
Stanchi per la lunga giornata, arriviamo al desk dell’hotel per ritirare le chiavi delle nostre 6 stanze; ma ci viene detto che la prenotazione era stata fatta per 4 stanze.
(rimando sopra al punto 2).
In questo caso, dopo qualche minuto di clima bello acceso, le stanze compaiono magicamente.
Consiglio: portatevi in vacanza anche un sacco a pelo e una tenda, non si sa mai!

10) PESTA LA TUA CACCA E SARAI FORTUNATO
Un viaggio in India non sarà tale se almeno una volta non pesterai una “torta” di vacca per strada, mentre cammini tra le mille bancarelle di pantaloni Alibabá.
Consiglio: Pensaci bene prima di usare l’infradito!

Tutto sommato, un viaggio in India non sarebbe così magico se non ci fossero tutti questi imprevisti e disavventure!

Scopri le 10 cose indimenticabili del nostro viaggio in India!

(tra qualche giorno, posteremo l’articolo qui)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...